Il microbiota intestinale di pazienti affetti da colangite sclerosante primaria è differente da quello di pazienti con colite ulcerosa in assenza di malattia epatica e da quello di controlli sani

The gut microbial profile in patients with primary sclerosing cholangitis is
distinct from patients with ulcerative colitis without biliary disease and
healthy controls.

Gut 2016
Kummen M. et al.

La colangite sclerosante primaria (CSP) è una malattia cronica del fegato caratterizzata da
infiammazione e fibrosi dei dotti biliari. Si associa di frequente a malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), specialmente a colite ulcerosa (CU).
L’eziologia ad oggi risulta poco chiara e i fattori ambientali che influenzano il rischio di CSP sono per lo più sconosciuti.
Alcuni studi hanno evidenziato la presenza di una diversa comunità microbica intestinale nelle malattie infiammatorie e nelle malattie immuno-mediate.
I dati disponibili suggeriscono che la manipolazione della comunità microbica intestinale potrebbe potenzialmente influenzare il processo di malattia. Inoltre, diverse osservazioni suggeriscono che il microbiota intestinale potrebbe avere un’influenza sull’intestino, così come sulle risposte immunitarie del fegato e delle vie biliari e quindi essere coinvolto direttamente nella patogenesi della CSP.
Gli autori di questo lavoro hanno caratterizzato accuratamente il microbiota intestinale di pazienti affetti da colangite sclerosante primaria, quello di controlli sani e quello di pazienti con colite ulcerosa non associata a malattia epatica ai fini di arrichire la conoscenza sulla relazione tra comunità microbica e CSP.
Sono stati raccolti 543 campioni fecali (144 di pazienti con CSP, 51 di pazienti con CU e 348 di controlli sani), è stato effettuato il sequenziamento genico e successivamente sono stati messi a confronto i tre gruppi.
I campioni fecali di pazienti con CSP hanno mostrato un differente profilo microbico intestinale rispetto ai controlli sani e ai pazienti con CU non associata a malattia di fegato. La caratteristica più evidente della flora intestinale in CSP rispetto a quella degli altri gruppi analizzati, è stata la riduzione della diversità batterica intraindividuale. Inoltre i risultati ottenuti hanno evidenziato anche una marcata abbondanza del genere batterico Veillonella nei pazienti con CSP rispetto agli
altri due gruppi,tale genere era già noto per essere associato ad altre condizioni infiammatorie e
fibrotiche croniche. La flora intestinale è risultata simile nei pazienti affetti da CSP sia in presenza che in assenza di MICI. La presenza di MICI non influenzando il microbiota intestinale nella colangite sclerosante primaria suggerisce che la disbiosi presente nei pazienti con CSP potrebbe principalmente essere associata alla malattia epatica e non alla MICI.
In conclusione, questi risultati forniscono una base razionale per avviare ulteriori studi sul microbiota intestinale sia correlati alla fisiopatologia che all’utilità clinica nella colangite sclerosante primaria. Tali studi rappresentano un grande potenziale per migliorare il trattamento dei pazienti affetti da tale patologia.

torna all'archivio